Il fatto colposo: la crisi del modello nomologico, l'€™aspettativa di diligenza e la condotta penalmente rilevante. Uno studio di diritto comparato sulla definizione della colpa punibile

Perin, Andrea (2015) Il fatto colposo: la crisi del modello nomologico, l'€™aspettativa di diligenza e la condotta penalmente rilevante. Uno studio di diritto comparato sulla definizione della colpa punibile. PhD thesis, University of Trento, Universidad del Pai­s Vasco / EHU.

[img]
Preview
PDF - Doctoral Thesis
2864Kb

Abstract

A quali condizioni √©¬Ä¬ď o in base a quali criteri di valutazione √©¬Ä¬ď una condotta che offende o che non impedisce la lesione di beni giuridici fondamentali quali la vita e l'¬Ä¬ôintegrit√†¬†fisica della persona pu√≤ dirsi non soltanto ¬Ä¬údannosa¬Ä¬Ě ma altres√¨ ¬Ä¬úcolposa¬Ä¬Ě per il diritto penale? Il lavoro che si presenta prende le mosse da una questione, come si vede, di enorme portata. Essa, in termini ¬Ä¬údogmatici¬Ä¬Ě, porta ad interrogarsi sui caratteri delle categorie concettuali afferenti all'¬Ä¬ôelemento oggettivo del reato colposo (il relativo ¬úfatto tipico¬Ě), sul metodo di concretizzazione del ¬Ä¬údovere di diligenza¬Ä¬Ě (che di tale elemento costituisce il cuore normativo) e sui criteri di giudizio in base ai quali esso pu√≤ ritenersi inosservato. Il metodo di indagine prescelto consiste nella comparazione di due esperienze, quella italiana e quella spagnola, omogenee sul piano teorico e¬Ä¬ď cio√© accomunate dall'¬Ä¬ôutilizzo del medesimo linguaggio √©¬Ä¬ď ma attualmente caratterizzate e¬Ä¬ď quantomeno nella materia in esame √©¬Ä¬ď da tendenze evolutive notevolmente differenti anche in ragione della diversa influenza esercitata nei loro confronti dalla dogmatica tedesca. Oltre che sul dibattito teorico sviluppatosi in questa due aree culturali, lo studio si occupa dell'¬ôesperienza applicativa maturata in entrambi i Paesi nei settori della responsabilit√†¬† medica e della prevenzione dei rischi professionali (della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro), contesti nei quali si fa particolarmente evidente l'¬Ä¬ôattuale ¬Ä¬úcrisi¬Ä¬Ě del cd. ¬Ä¬úmodello nomologico¬Ä¬Ě, cio√© del metodo di spiegazione causale d√Ę'¬ôimpronta neopositivista e del criterio ricostruttivo delle norme cautelari fondati su ¬Ä¬úleggi scientifiche¬Ä¬Ě. In entrambi i casi, in entrambe le dimensioni del giudizio sulla tipicit√†¬† del fatto, l'¬ôoffuscamento dell'¬Ä¬ôimmagine di scienza su cui venne edificata la teoria del reato colposo nel corso del Novecento ha gi√†¬†indotto il diritto penale contemporaneo a rivalutare il proprio peculiare approccio argomentativo e valutativo abbandonando lo schema inferenziale dimostrativo nomologico-deduttivo ed interrogandosi sul metodo attraverso cui definire i concreti margini del ¬Ä¬úrischio consentito¬Ä¬Ě. E'¬ą in questa direzione, quella di una rinnovata riflessione sui limiti della libert√†¬†di azione di ciascuno nella vita di relazione di fronte alla minaccia della sanzione penale, che ci si muove nelle pagine del presente lavoro

Item Type:Doctoral Thesis (PhD)
Doctoral School:Comparative and European Legal Studies
PhD Cycle:27
Subjects:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/17 DIRITTO PENALE
Repository Staff approval on:23 Mar 2015 10:27

Repository Staff Only: item control page